Periartrite scapoloomerale, artrosi scapolo-omerale

  • Che cos'è?
    La Periartrite Scapolo Omerale è una malattia infiammatoria che coinvolge i tessuti di natura fibrosa, che circondano l’articolazione: tendini, borse sierose e tessuto connettivo. Questi appaiono alterati e possono frammentarsi e calcificare. Le borse sierose diventano edematose e infiammate. . La periartrite si presenta in modo graduale ed insidioso, prima con dolori leggeri e poi con sintomi sempre più evidenti. Tuttavia, il dolore alla spalla è, spesso, ad insorgenza notturna, accompagnato con difficoltà a compiere i movimenti anche i più banali come: il pettinarsi, allacciarsi il reggiseno, radersi etc. Con il tempo si possono formare aderenze fibrose, che portano al blocco quasi totale, se trascurata, dell’articolazione. In inglese questa patologia ha un nome che ci fa capire facilmente l’esito che la patologia stessa porta: “Frozen Shoulder” ossia spalla congelata. Anatomicamente l’articolazione della spalla è formata dalla testa dell’omero, dalla clavicola e dalla cavità della scapola dove l’omero s’inserisce e si muove. Vi sono due aspetti di questa articolazione: quello gleno-omerale, tra omero e scapola, e quello acromion-claveare, tra clavicola e scapola. Queste articolazioni, racchiuse da capsule fibrose, sono stabilizzate da un apparato legamentoso e muscolare assai complesso, che garantisce alla spalla un ampio raggio di movimento nello spazio ed una potente e sicura leva articolare. Il complesso muscolare, che consente la rotazione del braccio e la sua elevazione, è indicato come cuffia dei rotatori, cui il muscolo deltoide è sinergico.

    Chi colpisce?
    La periartrite scapolo-omerale rappresenta una delle situazioni di "spalla dolorosa" più frequenti nella pratica clinica. Colpisce indifferentemente le persone giovani in attività sportiva che le persone anziane sedentarie perchè alla sua base sono presenti cause diverse: dalla degenerazione cronica dei tendini alla rottura traumatica.

    Come si cura?
    - Riposo attivo
    - Farmaci antiinfiammatori non steroidei (FANS)
    - Infiltrazioni con cortisonici
    - Viscosupplementazione ( acido Jaluronico)
    - Intervento Chirurgico

    Perchè i Fattori di Crescita?
    Quando la sintomatologia dolorosa non viene tenuta sotto controllo dalla terapia conservativa classica. In tutti gli stadi di artrosi precoce ( pre- artrosi). L'utilizzo dei fattori di crescita permette di migliorare considerevolmente la qualità della vita e permette di ritardare nel tempo la comparsa di un'artrosi grave.

  • Hai bisogno di un consulto medico?

    Il dott. Morandi riceve su appuntamento a Milano, presso lo Studio Medico Capranica.